Immagine Il cibo buono che unisce la comunità

Il cibo buono che unisce la comunità

24 Luglio 2019

Tra le protagoniste della sperimentazione di sviluppo locale avviata a Castelbuono c’è la campagna: è qui che, grazie al sostegno della Fondazione CON IL SUD, nasce “Agri-Etica”, un progetto di agricoltura sociale bio che coinvolge persone che vivono situazioni di svantaggio e fragilità.

La zona delle Madonie, infatti, come gran parte del Sud Italia, ha un’antica tradizione contadina. Qui, il “ritorno alla terra” è diventato un’opportunità di riscatto per giovani disoccupati, under 50 senza lavoro, persone con disturbi psichici, con situazioni di svantaggio socioeconomico e, con il progetto “Talenti”, sottoposti al sistema di “messa alla prova”. Insieme coltivano ortaggi – rigorosamente seguendo metodi naturali – rivenduti nel punto vendita nel centro del paese e distribuiti tramite gas, cooperative locali e porta a porta.

La comunità intera partecipa al progetto: gli abitanti hanno messo a disposizione le terre incolte, superando con gesti concreti diffidenza e individualismo.

L’obiettivo non è massimizzare i guadagni, ma favorire il lavoro di persone svantaggiate attraverso la produzione ortofrutticola e l’allevamento di bestiame, la trasformazione dei prodotti e la loro commercializzazione. Inoltre, il latte prodotto dall’allevamento di mucche e ovini verrà lavorato per produrre gustosi formaggi e latticini.

 

 

 

 

 

 

 

 

Altre notizie che potrebbero interessarti.

Foto di Elisabetta Brian – “Istantanee da Castelbuono” – progetto Design in Town

L’invasione creativa di Design in Town

Era l’estate del 2014 quando un gruppo di giovani designer e docenti, tra cui artisti, fotografi e autori di respiro internazionale, ha [...]

vai alla notizia

Foto di Elisabetta Brian – “Istantanee da Castelbuono” – progetto Design in Town

Castelbuono: la rivoluzione lenta, ma rock

CON IL SUD CHE FA# 13° compleanno della Fondazione CON IL SUD 7-9 agosto 2019 Castelbuono (Pa) In tour nel Sud più bello, dove il rock [...]

vai alla notizia

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK