Immagine Coltivare micro-ortaggi e relazioni dal grande impatto sociale

Coltivare micro-ortaggi e relazioni dal grande impatto sociale

23 Giugno 2022

Valorizzare le marginalità sociali, colturali ed economiche: è questo il principale obiettivo del progetto “Utilità marginale”, promosso dalla Fondazione Div.ergo-Onlus di Lecce, un programma di agricoltura sociale per il recupero e la valorizzazione di terreni incolti e abbandonati del territorio di Lecce, con il coinvolgimento di un gruppo di giovani con disabilità intellettiva. 

Il progetto, sostenuto da Fondazione con il Sud e da Enel Cuore Onlus, nell’ambito del Bando Terre colte 2017, è stato sviluppato in collaborazione con l’Università degli Studi di Bari – Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta e degli Alimenti (DiSSPA), la Cooperativa Sociale Filodolio, l’Associazione di volontariato C.A.Sa., Èspero, spin off dell’Università del Salento, l’Azienda agricola Pezzuto – Zafferano del Salento e la CIA Lecce.

 

 

Inclusione sociale e tanto gusto con i micro-ortaggi

Dall’esperienza di tirocinio retribuito di sette persone con disabilità intellettiva, nascono i micro-ortaggi che finiscono nei piatti di alcuni dei ristoranti più raffinati di Lecce, grazie a una vera e propria rete dei ristoratori solidali. Tra questi, c’è Primo Ristorante della chef stellata Michelin, Solaika Marrocco, volto noto di programmi di cucina come Master Chef.

I micro-ortaggi sono giovani e tenere plantule commestibili prodotte da semi di varie specie di ortaggi, colture erbacee, erbe aromatiche e piante spontanee. Dalla tradizionale cima di rapa all’innovativo basilico violetto, dalla bietola alla rucola, il sedano, il cavolfiore violetto, la cicoria, il ravanello, sono micro per la durata del ciclo produttivo ma non per gli aspetti nutrizionali: rappresentano un concentrato di vitamine, sali minerali e antiossidanti per cui hanno meritato la definizione di “superfood” dalla letteratura scientifica. Micro per gli spazi necessari alla loro coltivazione ma non per il valore innovativo in agricoltura: garantiscono alta sostenibilità ed una shelf life prolungata sul mercato.

Alla produzione dei micro-ortaggi, si affianca il progetto della cooperativa sociale, Filodolio che si è assunta il compito di sottrarre all’incuria e recuperare scampoli di terreno nella fascia che cinge la città, coltivando legumi (una coltura povera e per questo capace di sfamare tutti), zafferano (tradizione antica e perduta del Salento, capace di condensare tanto lavoro in pochi grammi di oro), topinambur (pianta spontanea, quasi infestante, dalle notevoli proprietà salutistiche, segno delle risorse ancora nascoste nella diversità).

 

Formazione e coltivazione continua a Casetta Lazzaro 

Il cuore pulsante del progetto è “Casetta Lazzaro”, struttura presso la quale si sono svolte le attività di formazione al lavoro del gruppo di giovani con disabilità dal novembre del 2018 fino al giugno 2021. La Casetta ospita la mini-serra per la coltivazione dei micro-ortaggi ed è stata luogo di vari eventi pre e post lockdown.

Ad oggi continua la produzione di micro-ortaggi con l’acquisizione, tra i clienti, di un ristorante stellato Michelin (Primo Ristorante a Lecce), la cui chef ha risposto positivamente all’invito e sono stati anche promossi laboratori di cucina destinati ad alcuni dei giovani che partecipano al progetto.

Altre notizie che potrebbero interessarti.

Carmelo Fanizza

#SullaStessaBarca: Rassegna stampa

Il viaggio in Puglia della Fondazione CON IL SUD ha avuto una buona copertura mediatica . Di seguito una serie di servizi e articoli [...]

vai alla notizia

Ex Convento San Gaetano

A Taranto arriva un’isola che accoglie

Nel cuore della città vecchia di Taranto l’ex Convento di San Gaetano diventerà un hub che metterà insieme attività sociali, culturali [...]

vai alla notizia

cap salento

Un tour nel Salento sulle rotte della “sostenibilità”

SULLA STESSA BARCA “Tra il dire e il mare c’è di mezzo il fare” 30 giugno – 2 luglio 2022  Dopo l’interruzione dovuta alla pandemia, a [...]

vai alla notizia

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK